Denuncia in arrivo anche per il pm che ha indagato Salvini

Alla fine la denuncia arriva non solo contro Salvini, ma anche contro il pm Luigi Patronaggio che ha deciso di indagarlo. Ad annunciare l’azione legale è Gianni Alemanno che ha incaricato i suoi legali di formulare l’accusa di “attentato contro i diritti politici del cittadino”.

Luigi Patronaggio, procuratore capo di Agrigento che sostiene di non dover considerare “nemici” i migranti, sarà infatti denunciato per “attentato contro i diritti politici del cittadino”.

Come Segretario del Movimento Nazionale per la Sovranità – ha spiegato Gianni Alemanno – ho anche dato mandato al nostro ufficio legale di verificare la possibilità di denunciare il pm Luigi Patronaggio ai sensi dell’Art. 294 del Codice Penale che sanziona gli ‘Attentati contro i diritti politici del cittadino’“. Perché una simile mossa? “Questo articolo – ha spiegato nella nota l’ex sindaco di Roma – recita: ‘Chiunque con violenza, minaccia o inganno impedisce in tutto o in parte l’esercizio di un diritto politico (…) è punito con la reclusione da uno a cinque anni’ in applicazione degli articoli 48 e 49 della Costituzione”.

Secondo Alemanno “l’avviso di garanzia inviato a Salvini potrebbe infatti essere visto come un tentativo di impedire a un Ministro di svolgere la sua attività d’indirizzo politico direttamente conseguente dal voto espresso dalla maggioranza degli italiani sulla base di ben precisi impegni elettorali“.

Lo scontro tra magistratura e Lega sembra ormai aperto. E forse è solo all’inizio. “Nessuno vuole aprire nuove guerre tra PM e politica – ha detto l’ex sindaco di Roma -, ma di fronte ad un atto così grave come la denuncia di un Ministro in carica per un’azione di carattere strettamente politico, ogni strumento deve essere utilizzato per difendere il nostro interesse nazionale“.

E l’interesse nazionale è quello di non subire “l’invasione dei clandestini nella completa indifferenza dell’Europa”. Per questo “le scelte coraggiose e difficili di Salvini“, che risultano “connesse con questi obiettivi” sono la conseguenza di un “esplicito mandato dato dagli elettori nell’esercizio dei propri diritti politici“. Dunque secondo l’ex sindaco della Capitale non deve essere processato. Fonte: Il Giornale.it

Condividi:
Precedente La banana è il frutto più consumato e più contaminato del mondo. VIDEO Successivo L'imbroglio degli etiopi che fingono di essere eritrei per ottenere i diritti internazionali