Polemiche in Versilia: migranti usavano le tessere spesa per smartphone e computer

Le tessere spesa consegnate ai migranti delle strutture della Misericordia di Lido di Camaiore, in Versilia, venivano utilizzate per acquistare computer e telefonini invece che generi di prima necessità.

Quando il personale ha scoperto tutto ha ritirato loro le card. E i richiedenti asilo hanno deciso di protestare contro questa decisione. Per sedare le tensioni sono intervenuti le forze dell’ordine e il sindaco. “Solo un confronto acceso che però non ha mai valicato i limiti del rispetto tra operatori della Misericordia di Lido e ospiti del villaggio dell’Accoglienza – ci tiene a precisare in una nota il Comune di Camaiore – Il caso è nato in seguito a un’attività di controllo dell’ente del terzo settore sulla gestione delle card prepagate che ha fatto emergere acquisti di categorie merceologiche non comprese nelle direttive ministeriali.

La Misericordia ha deciso quindi di non distribuire più le card, ma di mettersi a disposizione per un servizio di spesa e recapito a domicilio. Il sindaco è intervenuto per tentare di mediare e trovare una soluzione che conciliasse l’ossequio delle regole e il rispetto di un momento quotidiano personale come quello della spesa”. fonte